martedì 13 maggio 2014

Biografia di Mario "The Black" Di Donato - CRAC EDIZIONI

E' uscito per CRAC EDIZIONI il libro MARIO "THE BLACK" DI DONATO - ARS ET METAL MENTIS. Si tratta della biografia ufficiale del noto musicista e pittore Mario "The Black" Di Donato. L'autore del libro è Mattia Montanari membro del gruppo musicale VISIONI GOTICHE e attualmente uno dei direttori editoriali di CRAC EDIZIONI e manager dei THE BLACK.

La biografia è acquistabile con PAYPAL attraverso il sito di CRAC EDIZIONI al seguente link :

http://edizionicrac.blogspot.it/2014/04/mario-black-di-donato.html

lunedì 14 ottobre 2013

BLACK WIDOW RECORDS - NEWS - IL SEGNO DEL COMANDO

Novembre 2013- A 12 anni di distanza torna IL SEGNO DEL COMANDO. Nuova formazione e nuovo album per uno dei nomi più misteriosi ed affascinanti della musica rock genovese ed italiana. In effetti il gruppo è stato inattivo fino al 2010 anno in cui, per volontà della BWR e di Diego Banchero, riprende la via dello studio con un ulteriore e importante cambiamento di line up (lo stesso Banchero si trova a gestirne da solo la leadership dopo la rinuncia di Mercy ormai deciso a continuare su altre strade artistiche). Il gruppo partecipa nello stesso anno ad un tribute album dedicato alla band Pierrot Lunaire e pubblicato dalla vicentina MP Records iniziando, subito dopo, i lavori di un nuovo album Il Volto Verde”, concept  che trae ispirazione dal romanzo  di Gustav Meyrink opera che, come è noto, rappresenta uno dei punti cardine del testamento esoterico dello scrittore stesso. Il suddetto libro descrive, tra l’altro, alcune tecniche relative al controllo del pensiero che portano fino al raggiungimento del cosiddetto stato di “vuoto mentale” come condizione sine qua non per mettersi in contatto con il cosiddetto ”Io Superiore” che, oltre a rappresentare una porta sull’inconscio, è in connessione diretta con la “Mente Universale”. Lavoro molto articolato, l’LP il “Il Volto Verde”, vede la partecipazione di ospiti illustri come Claudio Simonetti dei Goblin, Gianni Leone del Balletto di Bronzo, Martin Grice dei Delirium, Freddy Delirio dei DEATH SS, Paul Nash, Sophya Baccini e Maethelyiah  che si sono avvicendati in studio al fianco degli altri ottimi musicisti capitanati da Diego Banchero. L’approccio compositivo prog-jazz rock-soundtrack-dark-sperimentale che ha caratterizzato e distinto le composizioni dei primi 2 capitoli viene qui ulteriormente sviluppato e radicato. L’opera è corredata da una copertina dall’impatto a suo modo shoccante creata dall’artista Danilo Capua e viene realizzato dalla Black Widow records in formato CD ed anche in vinile con edizione limitata preziosa ed affascinante, quindi i collezionisti sono avvertiti.

BLACK WIDOW RECORDS - NEWS - SOPHYA BACCINI

SOPHYA BACCINI RITORNA CON UNA BAND NUOVA E CON UN CONCEPT  ALBUM DI ROCK PROGRESSIVO SINFONICO SUL POETA VISIONARIO WILLIAM BLAKE.
Sophya Baccini nasce come cantante, corista, pianista, autrice di testi in italiano, napoletano, francese ed inglese. Il suo percorso nel Rock comincia nel 1990, quando insieme con Enrico Iglio (tastiere-percussioni) e Sergio Casamassima (chitarre) fonda i Presence, gruppo di dark progressivo molto amato ed apprezzato sia in Italia che all’estero, per la qualità delle incisioni e delle composizioni. Incide con loro 6 dischi in studio – in cui è l’autrice di tutti i testi - ed uno dal vivo, dal 1990 al 2002, grazie alla collaborazione con la Black Widow Rec. di Genova. Per la sua interpretazione di quattro romanze di Verdi, contenute nell’album Black Opera che si avvale della collaborazione della sezione d’archi del Teatro S.Carlo di Napoli,  è votata dal pubblico di FLASH EUROPA come quarta voce rock femminile al mondo.
Dal 2002 in poi, sono numerosissime le sue partecipazioni, dal vivo ed in studio, con gruppi dell’area progressiva e non, quali Osanna, Delirium, Ricky Portera, Vittorio Nocenzi, Greenwall, Tylion, Wicked Minds, Il Segno del Comando. Nello stesso periodo scrive, produce ed interpreta due brani per il progetto della Colossus “Divina Commedia”, tratti dall’Inferno e dal Purgatorio di Dante.
Nel 2009, sentendosi ormai pronta per affrontare un percorso parallelo ai Presence, pubblica come solista l’album “Aradìa”, da lei interamente scritto, arrangiato e registrato. “Aradìa” vince nel 2010 il prestigioso premio della giuria “ProgAwards”, per la prima volta assegnato all’unanimità, e per la prima volta assegnato ad una donna. Nel Dicembre 2011 riceve dalle mani di Lino Vairetti il Premio “Uomini e Miti”, insieme con Gianni Leone del Balletto di Bronzo.
L’8 marzo del 2012, Patrik Stiggson le dedica una monografia sul secondo canale radio nazionale svedese, e in dicembre, in formazione acustica con Chicco Accetta alla chitarra, Stella Manfredi al violino e lei stessa al piano e voce, partecipa alla manifestazione “Musei in Musica” ai Fori Imperiali di Roma, registrato dal TG1. In seguito a queste esperienze decide di affiancare al suo chitarrista una band tutta al femminile, e fonda i Sophya Baccini ’s Aradia: Sophya al piano, voce e synth bass, Chicco Accetta alla chitarra, Stella Manfredi al violino, Francesca Colaps alla batteria e Marilena Striano alle tastiere. Con questa formazione registra l’album “Big Red Dragon – (William Blake’s Visions)” dedicato ai quadri del grande genio inglese. Formidabile la galleria di ospiti che hanno accettato di collaborare al progetto: Christian Decamps degli ANGE, Sonja Kristina dei CURVED AIR, Aurelio Fierro jr., Elisa Montaldo de IL TEMPIO DELLE CLESSIDRE, Steve Sylvester dei DEATH SS, Roberto Tiranti dei LABYRINTH , Enrico Iglio dei PRESENCE, Irvin e Lino Vairetti degli OSANNA.
Musica sinfonica, progressiva, celestiale ed oscura, ma anche molto radicata nell’energia del rock, affascinante e ricchissima di straordinarie melodie, che ancora una volta e di più dimostrano il talento di una artista senza tempo.
L’album sarà disponibile in versione CD e vinile con edizione deluxe limitatissima.


martedì 10 settembre 2013

CRAC EDIZIONI al MEI (Meeting degli Indipendenti) di FAENZA

Sabato 28 e domenica 29 settembre 2013 CRAC EDIZIONI sarà presente col suo stand al MEI di Faenza. Sarà possibile acquistare le nostre pubblicazioni. In particolare sabato 28 settembre, alle ore 18.30, presso 'INFANTINI CAFE' (Corso Mazzini, 70 Faenza) verrà presentato il libro "Va Pensiero - 30 anni di Rock e Metal in italiano" . La presentazione sarà a cura di GIANNI DELLA CIOPPA, giornalista musicale e discografico, autore del volume e di OMAR PEDRINI (ex. membro della famosa rock band TIMORIA) che ha scritto la bellissima prefazione del libro.

Elenco degli Espositori MEI FAENZA 2013


giovedì 11 luglio 2013

Il giornalista, scrittore musicale ed autore di Crac Edizioni Gianni Della Cioppa intervistato su Rock Rebel Magazine




Gianni Della Cioppa, dopo una lunga esperienza come musicista, approda al giornalismo musicale nel 1989, come collaboratore di TUTTIFRUTTI, FLASH e METAL SHOCK e in seguito di MUCCHIO SELVAGGIO e MUCCHIO EXTRA. Ha contribuito alla nascita di riviste musicali come PSYCHO!, ANDROMEDA, CLASSIX! e CLASSIX METAL.
Ha scritto i libri "HARD ROCK 133 TOP ALBUM" e "ITALIAN METAL LEGION" e, con Steve Sylvester, "IL NEGROMANTE DEL ROCK. LE ORIGINI DEI DEATH SS", oltre al suo primo romanzo "IL PUNTO G.D."
Ha inoltre partecipato alla stesura di varie enciclopedie sulla storia del Rock e libri di genere musicale come "ROCK HARD & HEAVY" e "24.000 DISCHI".
Per la nostra casa editrice CRAC EDIZIONI ha pubblicato recentemente il libro "30 ANNI DI ROCK E METAL IN ITALIA" che è anche stato uno degli argomenti principali di questa bellissima intervista che Gianni Della Cioppa ha rilasciato a AngelDevil Rock per ROCK REBEL MAGAZINE.




Di seguito il link per accedere all'intevista :


Intervista a Gianni Della Cioppa - Rock Rebel Magazine

sabato 29 giugno 2013

Esce per CRAC EDIZIONI il romanzo Horror "Madre Nera" di Nicola Lombardi








E' uscito per CRAC EDIZIONI il nuovo libro di Nicola Lombardi intitolato "Madre Nera". Il volume fa parte della collana Danze Macabre curata da Danilo Arona e accompagnata dalle grafiche di Enzo "Heavy Bone" Rizzi

Nicola Lombardi, Madre nera.
Collana Danze macabre curata da Danilo Arona
ISBN 9788897389071
pagg. 224 - €15,00


Sito di Crac Edizioni : acquista QUI il libro 

sabato 13 aprile 2013

Mattia M entra a far parte di CRAC EDIZIONI




Ciao a tutti !





Mattia M


 è con grandissimo piacere che annuncio il mio ingresso in CRAC EDIZIONI a fianco dell'amico Marco Refe e del suo Staff che, negli ultimi anni, hanno svolto un ottimo lavoro in campo editoriale. Sono pertanto onoratissimo di poter vivere con loro questa esperienza. La pagina Facebook e il sito/blog ufficiale dei Visioni Gotiche saranno pertanto un ulteriore canale di promozione e divulgazione delle pubblicazioni e dell'attività di CRAC EDIZIONI (sul nostro sito una sezione riguardante l'attivita editoriale) confermando anche lo spirito che contraddistingue il nostro gruppo aperto a tutte le forme culturali e non solamente incentrato sul discorso musicale.

 

Mattia M

mercoledì 20 marzo 2013

Intervista a Claudio Dondo dei Runes Order e Star Matter

Intervista a cura di Mattia M

Claudio Dondo

Ciao Claudio ! grazie per la disponibilità, per me è un piacere poterti intervistare. Partiamo dalle origini : quali sono state le motivazioni che ti hanno spinto a dare vita al progetto Runes Order e da cosa nasce la scelta di questo nome per la band ?
Per il motivi più semplici che ci siano, l’amore per la musica e il bisogno di una valvola di sfogo! Il nome deriva dal mio interesse (ormai più legato al passato che al presente) per la letteratura e la cultura nordico pagana.
Quali sono gli elementi fondamentali che caratterizzano i Runes Order sia dal punto di vista musicale che dal punto di vista concettuale ? Parlo di scelte stilistiche ed influenze musicali oltre che di contenuti ed obiettivi che ti sei proposto di perseguire e raggiungere.
Volevo trasmettere emozioni tramite la musica, per lo più tristezza, malinconia e un senso di trasporto verso altre dimensioni. Ho catalizzato queste atmosfere usando suoni prevalentemente analogici, un po’ come fecero i grandi della scena kraut tedesca degli anni ’70. Chiaramente in 25 anni ho avuto l’opportunità di abbracciare diversi stili musicali dall’industrial al rock passando per dark ambient e soundtrack music.
I Runes Order sono fondamentalmente una one-man-band anche se talvolta prendono parte ai dischi anche collaboratori esterni attraverso partecipazioni di vario tipo. Come avviene il processo creativo di un tuo brano e come viene svolta la scelta dei collaboratori ?
I miei brani nascono dalla stesura delle mie idee e sensazioni del momento. La scelta dei collaboratori dipende strettamente dall’esigenza di completare il brano inserendo i giusti elementi sonori che mi sono figurato per quel determinato brano/disco. Per cui la singola scelta del collaboratore è mirata a scegliere la persona e lo strumento giusto per raggiungere l’obiettivo prefissato.
La musica dei Runes Order trasmette principalmente sentimenti di angoscia, paura e depressione. Questi stati d'animo riflettono la tua personalità o rappresentano solo un modo di esorcizzare le molte negatività che permeano costantemente la nostra esistenza ?
Entrambe le cose!
Molti ti ritengono una persona schiva, introversa e per certi versi misantropa. Al giorno d'oggi questi aspetti caratteriali vengono spesso visti come negativi anche se, per quanto mi riguarda, stare con sé stessi non è poi una cosa cosi' deplorevole. Tu ti riconosci in questa descrizione ?
Direi di si, amo poco la gente… ma se ritengo che se una persona merita, so essere l’opposto. Molto selettivo direi…
Quale ruolo svolgono il mistero e l'esoterismo all'interno del progetto Runes Order ? Tu personalmente sei coinvolto in tematiche di questo tipo ? In caso affermativo potresti dirmi quali sono gli argomenti esoterici verso i quali si dirigono principalmente le tue attenzioni ?
Nella vita c’è mistero in ogni cosa… alcune di queste attraggono la mia attenzione. Ufologia, conspirazionismo, per esempio.
Nei dischi dei Runes Order la componente Horror ha un ruolo di primaria importanza. Qual'è il tuo rapporto col mondo del cinema horror, quali sono i tuoi film e registi preferiti ? C'è un disco dei Runes Order che definiresti Horror per eccellenza ?
“The art of scare and sorrow” è il mio personale tributo sia al film (“La casa dalle finestre che ridono”) che a tutto il mondo della musica e hai musicisti che hanno legato il loro nome a colonne sonore thriller/horror indimenticabili (Simonetti, Frizzi, Ortolani, Morricone…) mentre il “Disco nero” è più incentrato su atmosfere da serial tv anni ’70 ( Gamma, Dov’è Anna?, Il segno del comando…).
Quale, tra i dischi della tua lunga carriera musicale, ritieni che sia quello meglio riuscito e più vicino al tuo spirito ? Quale invece quello che ha riscosso maggiore successo a livello di vendite e di pubblico ?
Secondo me il più riuscito è il terzo “Odisseum” al quale sono molto legato. Il primo lavoro in cui sono riuscito a condensare il mio trademark. Mentre l’album che ha riscosso più interesse sia dal pubblico che dalla stampa è stato “The art of scare and sorrow”. Anche in questo caso personalmente sono molto legato a questo album che ritengo particolarmente riuscito. Grazie alla collaborazione con Argento ho avuto modo di ampliare il target degli ascoltatori della mia musica verso l’ambiente metal più ricercato, è stato un periodo particolarmente attivo dal punto di vista concertistico e mediatico, avevo realizzato parecchie interviste e ricevuto recensioni in tutto il mondo grazie anche al lavoro della Beyond… Prod/Masterpiece Distribution di Giovanni Indorato, con il quale recentemente ho ripreso a lavorare grazie al nuovo progetto chiamato STAR MATTER e la sua nuova etichetta e studio di produzione Cyber Ghetto sempre affiliata a Masterpiece.
Parlami del tuo ultimo album “Disco Nero”. L'ho ascoltato e lo ritengo una delle migliori produzioni dei Runes Order in senso assoluto. Vorrei che mi raccontassi come è nata l'idea di questo album e quali sono state le fasi principali della sua realizzazione anche per le illustri collaborazioni presenti sul disco.
L’idea originale del “Disco nero” risale al 2003, doveva inizialmente essere il sequel sia concettuale che musicale di “The art of scare and sorrow”, ma all’epoca non avevo a disposizione i collaboratori giusti. Così dopo “Hopeless days” e “x:final solution!” ho ripreso in mano i pochi demo che avevo conservato e questa volta trovati i giusti musicisti sono riuscito a dare vita anche a questa mia creatura. Grazie a Diego Banchero (Malombra,Segno del comando,Egida aurea, Recondita stirpe, Ballo delle castagne) al basso, Carolina Cecchinato (Egida aurea,Recondita stirpe) alla voce, Boris Carbone alla chitarra, Davide Bruzzi (Zsp,Meanders of mist) alla chitarra e tastiere, Francesco La Rosa (Malombra,Ianva,Spite extreme wing,Meganoidi) alla batteria, completano l’organico Marina Larcher(Zsp,Egida aurea) e sua sorella Lucia alle voci. Ospite Geppo(Lucky bastards) sul brano “Chiave quadra” ispirato a Donato Bilancia. Secondo me il “Disco nero” è stato l’apice della mia carriera come Runes Order” dal punto di vista tecnico-concettuale.
Cosa ne pensi della scena musicale alternativa italiana. Mi piacerebbe avere un tuo punto di vista sia per quanto riguarda le bands, sia per quanto concerne l'organizzazione live e i rapporti con le case discografiche.
In questo periodo sto letteralmente consumando i dischi dei BAUSTELLE e seguo anche i progressi dei miei amici-colleghi quali per esempio NG(Northgate), SENSORY GATE, CROPCIRCLE, DEVIATED SISTER TV, HIDDEN PLACE, FROZEN AUTUMN e VISIONI GOTICHE naturalmente!!! Occasionalmente per evadere con la mente riascolto volentieri T.A.C., ALIO DIE, DIE SONNE SATAN, NIGHTMARE LODGE(sottovalutatissimi!!!). Menzione a parte per DECA, artista e amico che ho sempre stimato molto e di cui possesso tutto il suo materiale su nastro. Da sempre colonna sonora dei miei momento più bui. Live? Ho avuto la fortuna di fare un bel po’ di concerti in passato, ma con il tempo la situazione tecnico-economica dei locali adatti al mio sound è incredibilmente peggiorata..beh sono purtroppo contento di non fare più concerti, inutile proporre al pubblico uno spettacolo con impianti e organizzazioni insufficienti alla giusta resa dello show. Di case discografiche ne ho cambiate parecchie nella mia carriera, devo dire che sono sempre stato mediamente soddisfatto.
In questo momento so che stai lavorando anche ad un nuovo progetto chiamato STAR MATTER e che è in preparazione un disco che uscirà per l'etichetta Cyber Ghetto Records. Cosa puoi raccontarmi riguardo a questa tua nuova creatura artistica e riguardo alla collaborazione con la Cyber Ghetto ?
STAR MATTER ha posto il sigillo definitivo a RUNES ORDER, l’incontro con Alex De Siena (e la sua cucina, ahahaha) è stato fatale! Mi ha dato l’input di riscoprire la musica elettronica anni ’90 a livello di ascolti e di confrontare il mio stile con sonorità nuove e dare maggiore dinamismo alle mie esecuzioni. Il nostro cd di debutto “ChemTrails_Era” è in dirittura di uscita ormai, e non vedo l’ora di conoscerne i feedback. La cosa ironica di questo album di musica elettronica è che ho suonato realmente più parti in questo lavoro che in altri del mio passato. E’ stato registrato di getto con attitudine quasi live, durante sessions notturne veramente free. Il tutto è stato catturato ed elaborato abilmente da Giovanni Indorato (e il suo vino, ahahahaha) che è riuscito a forgiare il sound perfetto per il disco. Naturale conseguenza dal registrare nei suoi Cyber Ghetto Studio all’essere pubblicati da Cyber Ghetto Records con distribuzione Masterpiece. Praticamente un disco prodotto al 100% in proprio fra noi 3, con il piacere di aver ospitato alcuni amici come ad esempio Luigi M. Mennella (FURVUS,EN VELOURS NOIR,FORMAL.LOGIC.DECAY). Per i più curiosi potete trovare a questo link il trailer del cd: https://soundcloud.com/cyberghettostudio/star-matter
Star Matter - da destra Claudio Dondo e Alex De Siena
L'intervista è terminata. Ti ringrazio per la disponibilità. Vuoi dire qualcosa ai tuoi fans e ai lettori prima di salutarci ?
Grazie per l’intervista e a tutti coloro che mi hanno sempre supportato, oggi i RUNES ORDER sono un capitolo chiuso per me, lo dico da anni ed è stata una morte lenta… il presente e futuro si chiama STAR MATTER… ma come nel vostro caso ( brano-intro sul prossimo album dei tuoi VISIONI GOTICHE) sono sempre disponibile a tenere vivo il nome RUNES ORDER.


Buon ascolto e ciao a tutti!!!


Foto di Alessandro Casoni – digital treatment Giovanni indorato.

giovedì 21 febbraio 2013

I Visioni Gotiche realizzeranno la colonna sonora di "Deep Shock" il nuovo cortometraggio del regista Davide Melini

Cover di "Deep Shock"


I Visioni Gotiche, dopo la collaborazione per la colonna sonora del cortometraggio "The Puzzle", torneranno presto a lavorare col regista Davide Melini per la soundtrack della sua nuova fatica cinematografica intitolata "Deep Shock". Il film, ancora in fase di preparazione (uscita prevista nel 2014), sta già facendo discutere di sè (vedi link sotto) soprattutto negli Stati Uniti dove Melini si è creato un seguito in passato.

http://grossmoviereviews.com/2013/02/20/deep-shock-coming-in-2014/

Queste sono le mie prime impressioni dopo aver avuto il piacere di leggere la sceneggiatura del cortometraggio :


Ho appena finito di leggere la sceneggiatura di “Deep Shock”, il nuovo lavoro cinematografico del regista Davide Melini per il quale i Visioni Gotiche firmeranno la colonna sonora.
Senza voler essere di parte ritengo questa sceneggiatura molto avvincente ed originale ! La storia mi ha tenuto incollato allo screenplay dalla prima all'ultima riga col fiato sospeso. Atmosfere orrorifiche e malsane si alternano ad elementi giallo/thriller in un mix decisamente coingolgente e disturbante dove nulla è banale o lasciato al caso. Mi ha colpito in particolare il lato visionario ed onirico di tutta la storia dove la realtà si mescola al sogno/incubo. Lo scopo è quello di terrorizzare lo spettatore e credo che questo obiettivo verrà pienamente raggiunto visto che io sono riuscito ad inquietarmi solamente leggendo la sceneggiatura.
Davide ha deciso di dare una veste moderna a certi schemi e soluzioni tipici dell'horror italiano degli anni '70 e '80 che ha visto in Mario Bava, Dario Argento e Lucio Fulci i tre registi più innovativi ed interessanti. Tutto è stato curato nei minimi particolari, dai personaggi, ai dialoghi e alla location (il film sarà girato in Spagna). Anche noi non vediamo l'ora di immergerci in questo nuovo incubo di Davide con cui abbiamo già avuto il piacere di lavorare per il cortometraggio “The Puzzle” con grande soddisfazione per tutti quanti.

Mattia M - Visioni Gotiche


martedì 19 febbraio 2013

Recensione dell'EP "Morbid Mind" dei Lacrimae Charontis

Recensione a cura di Mattia M - Visioni Gotiche




I Lacrimae Charontis sono una band pugliese/lucana capitanata dal folle ed eclettico Giuseppe GrezzMetal, un personaggio sicuramente simpatico ed interessante che, grazie alla sua dinamicità, è riuscito in poco tempo a dare una buona visibilità alla sua formazione nata solamente nel 2011.
Giuseppe, leader carismatico il cui look è molto simile a quello di King Diamond, ha messo insieme un gruppo agguerrito ed intenzionato a far parlare di sé all'interno dell'ormai affollatissimo panorama metal.
In particolare pare che la band si stia muovendo in maniera molto attiva sotto l'aspetto live che, visto l'approccio selvaggio e sfrontato dei Lacrimae Charontis, dovrebbe rappresentare il loro punto di forza ed attrazione.
Il sound dei Lacrimae Charontis è un mix di diversi stili musicali che vanno dall'Horror Metal, al Black/Death Metal fino a sfociare nel Doom/Dark Metal più oscuro e opprimente.
Ciascuna di queste componenti stilistiche riflette i gusti personali dei membri della band ed in particolare di Giuseppe GrezzMetal il cui amore per certo metal oscuro e shockante è
evidente.
Le influenze di grandi band come King Diamond, Death SS e The Black sono abbastanza evidenti ma vengono assimilate con gusto e personalità dai nostri acquisendo quindi quella freschezza necessaria per dare a “Morbid Mind” caratteristiche peculiari ben definite.
L'EP è costituito da cinque pezzi tra i quali figura e spicca la canzone “Genesis Virtutes Est” che vede la presenza, nelle vesti di ospite illustre, del grande Mario “The Black” Di Donato.
Si tratta di un brano in puro stile dark/doom metal molto ben congegnato dai Lacrimae Charontis impreziosito dall'imprevedibile e originale stile chitarristico di Mario Di Donato e dal cantato in latino caratteristico marchio di fabbrica dei The Black.
Anche gli altri pezzi del disco sono degni della massima attenzione a cominciare da "Genesis" che altro non è che la versione "originale" del pezzo poi rivoluzionato e ri-arrangiato assieme all'artista abruzzese. Un brano molto intenso anche nella sua collocazione primordiale con momenti di puro pathos vocali e strumentali.
L'EP si apre con una splendida intro in puro stile horror dalla quale emerge il coinvolgimento dei Lacrimae Charontis per atmosfere terrorizzanti, perfetto preludio alla devastazione sonora dell'intero CD.
Tutti i brani trattano sorprendentemente di tematiche sociali e l'argomento principale è la pazzia : il pezzo che da il titolo all'album, “Morbid Mind”, rappresenta una sorta di manifesto della band dove la follia è anche uno degli aspetti caratteristici dell'atteggiamento dei Lacrimae Charontis e dove la voce di Giuseppe da il meglio di sé.
Essa infatti rappresenta il punto di forza della band visto che GrezzMetal sa spaziare , con grande naturalezza,dal falsetto alla King Diamond, al growl fino ad accarezzare tonalità più melodiche.
Molto belle anche “Obscure Oblivion” e “Please, Save My Mind” dove le chitarre pesanti e molto doom risultano davvero efficaci conferendo al sound un alone di malvagità ed oscurità decisamente accattivanti.
In definitiva un ottimo esordio da parte dei Lacrimae Charontis le cui enormi potenzialità fanno ben sperare per il futuro. Siamo quindi in attesa del loro full lenght.

Lacrimae Charontis

Recensione dell'album "Refugium Peccatorum" (ristampa 2013) dei The Black

Recensione a cura di Mattia M - Visioni Gotiche




A quasi vent'anni di distanza l'etichetta discografica genovese Black Widow Records, già molto prolifica e lungimirante per operazioni di questo tipo,ha ristampato l'album “Refugium Peccatorum” dei The Black su CD arricchendolo non solo di una nuova veste grafica ma anche di tre nuovi pezzi. Originariamente l'album era infatti uscito solamente in formato LP. I brani aggiunti sono la cover del pezzo dei Saint Vitus intitolato“Hallow's Victim”, magistralmente reinterpretata e personalizzata dalla band abruzzese, e le canzoni “Lux Veritas Est” e “Obscura Nocte”.
Il disco è assolutamente imperdibile per tutti coloro che vogliono tornare alle origini del Dark Metal e capire da dove sono nate certe idee che hanno poi influenzato una miriade di nuove band nel corso degli anni.
La musica è oscura e catacombale resa ancora più intensa e lugubre dal cantato in latino che rappresenta da sempre il marchio di fabbrica e uno dei punti di forza ed originalità dei The Black .
Il sound è molto ispirato e credibile perché Mario Di Donato applica alla perfezione nelle sue composizioni quelle che sono le sue conoscenze in campo esoterico/religioso e pittorico/artistico rendendo i contenuti altrettanto validi che la musica.
Non a caso egli ha sempre definito il suo approccio stilistico come “Ars Et Metal Mentis” facendone sostanzialmente uno stile di vita e una sorta di movimento culturale dove la musica e l'arte, in tutte le sue forme, si fondono in un'unica creatura dando vita a qualcosa di estremamente originale ed innovativo.
Questo album ci riporta ad atmosfere medievali, si respira un'aria malsana e, allo stesso tempo di meditazione e introspezione spirituale. Una sorta di viaggio all'interno dello spirito umano ed in particolare delle sue paure ed angosce.
Il brano di apertura, “Refugium Peccatorum”, è davvero inquietante : un rintocco di campana apre la strada a passaggi tastieristici molto ispirati e orrorifici che riportano alla memoria certe colonne sonore dei Goblin e quindi particolarmente adatte ad accompagnare una sequenza filmica. Questo pezzo è un qualcosa di originale nel contesto dell'album predominato soprattutto dalla componente Metal a testimonianza dell'animo progressivo e sperimentale dei The Black. Identiche aperture in chiave horror si ritrovano anche nel pezzo “De Profundis Tenebrarum”, uno dei più belli dell'album, che poi da spazio alle ispiratissime evoluzioni chitarristiche dell'artista abruzzese. Altrettanto originale è il brano “Animae”, davvero evocativo e allucinato, nel quale si possono addirittura rilevare componenti New Wave nella loro veste più “acida” dove l'interpretazione vocale è davvero ispirata e “magica”.
La chitarra di Mario Di Donato rappresenta un altro degli elementi caratteristici del sound dei The Black grazie a passaggi a volte lineari e che entrano subito nella testa dell'ascoltatore a volte contorti, claustrofobici, molto tecnici e di non facile assimilazione tipici di uno stile tutto personale e particolare.
Bellissimi i passaggi chitarristici di brani come “Mortalis Silentium”, “Juvanum” “VII Orbis” e dei due pezzi più recenti “Lux Veritas Est” e “Obscura Nocte”.
Questi ultimi sono anche testimonianza della maturità artistica raggiunta dai The Black nel corso della loro lunga carriera sia dal punto di vista compositivo che di produzione e arrangiamento : davvero dei gioiellini di Doom/Dark Metal moderno.
Non mancano anche riferimenti alla musica classica in brani strumentali come “Orates Fratres”, “Aratus” e “Salva Me”: pezzi bellissimi, dal sapore quasi religioso, che con la loro atmosfera medievale che ci trasportano nei tempi antichi.
“Refugium Peccatorum” entra di diritto tra le migliori produzioni a livello mondiale nel genere elaborando in maniera del tutto personale certe sonorità accostabili a band come Black Sabbath, Angel Witch, Witchfinder General e Saint Vitus senza dimenticare il grande amore di Mario Di Donato per certi virtuosismi chitarristici dell'indimenticabile Jimi Hendrix. Un album originale, molto sentito e ispirato, suonato col cuore che ha fatto e farà la storia del genere. Consigliatissimo l'acquisto !

Immagine inserita nel booklet dell'album : quadro realizzato da Stefania Giansante



lunedì 28 gennaio 2013

Recensione dell'album "Journey" di Freddy Delirio a cura di Mattia M





Freddy Delirio è un artista molto attivo e poliedrico che sfoga il suo estro musicale attraverso un' interessante varietà di progetti e situazioni differenti. Egli non soltanto è il tastierista ufficiale dei grandi Death SS e affianca Steve Sylvester anche nella band dei W.O.G.U.E. ma si muove in maniera indipendente con la sua creatura hard rock degli H.A.R.E.M. e con l'attività di producer nei suoi studi di registrazione FP Recordings.
Stavolta Freddy ci sorpende ulteriormente presentandosi in veste totalmente solista con un lavoro che musicalmente si discosta dai progetti succitati. L'artista toscano ha tirato fuori dal cassetto dei brani da lui realizzati nel 1992, usciti all'epoca su musicassetta, catturando l'attenzione della storica etichetta genovese Black Widow Records che ha deciso di dare meritata visibilità a queste composizioni.
Oltre ai pezzi “d'annata” all'interno dell'album sono stati inseriti anche due brani ( “Dreamland” e “Witches Sabbath”) facenti parte della colonna sonora del film horror “The Darkest Night”, alla cui soundtrack hanno preso parte pure i Death SS, e alcuni brani scritti da Freddy in epoche successive (“Desire”, “Scarlet” e ”Starlight”) per dare un tocco di freschezza al lavoro. In realtà poi non si nota tutta questa differenza tra le vecchie e le nuove canzoni perché l'album risulta molto coeso pur nella sua molteplicità di soluzioni.
Il disco è totalmente strumentale e le tastiere la fanno da padrone creando sonorità decisamente elettroniche con venature progressive molto coinvolgenti e gradevolissime all'ascolto. L'atmosfera che si respira è spesso “vintage” ma non mancano soluzioni più moderne che si fondono piacevolmente con le atmosfere più datate.
“Journey” potrebbe benissimo rappresentare la colonna sonora di un film di fantascienza o di un thriller/horror futuristico degli anni '80 e '90 riportando alla memoria pellicole come “1997: Fuga da New York” nei suoi passaggi più “robotici”.
Nel disco si mescolano situazioni sonore differenti che rendono l'ascolto sempre interessante e privo di cali di tensione : si passa agevolmente dalla musica elettronica, talvolta con venature quasi “sintetiche” e techno (“Lucifer Seats à Droite”, “Flash Over” , “Celtic Memories”, “The Triumph Of The Truth” e “The Flight Of The Eagle”) alla Horror Music (“Dreamland” e “Witches Sabbath”) fino ad arrivare ad accostamenti con la musica classica come in “Casanova Rondò” o nel bellissimo trittico costituito dai brani “Desire”, “Scarlet” e “Starlight” in cui un fantastico pianoforte ricama bellissime armonie gotiche e malinconiche. Il tutto viene elaborato in chiave estremamente progressive e sperimentale.
Fate conto di miscelare tra loro artisti come Tangerine Dream, Jean Michel Jarre, Claudio Simonetti, Jhon Carpenter e Doris Norton tanto per citare alcuni musicisti a cui possiamo affiancare queste sonorità e troverete in questa contaminazione la vera essenza di “Journey”.
Se pensiamo che molti di questi brani sono stati realizzati in età giovanissima da Freddy colpisce sicuramente la sua precoce maturità artistica e l'innata creatività.
Si tratta di un album che esula sicuramente dal pubblico abituale dell'artista toscano ma che, per chi ha una maggiore apertura mentale ed un approccio meno rigido alla musica, vale sicuramente l'acquisto vista l'elevata qualità sia compositiva che di engineering di “Journey”. Tra l'altro all'interno dell'album potete trovare anche un bonus video della canzone “Lucifer Seats à Droite” che rende il tutto più “appetibile” ed interessante.
Freddy Delirio

martedì 18 dicembre 2012

OROSCOPO 2013 - Studio Ambra - Firenze

Ringraziamo Ambra per la collaborazione col nostro blog che ci saluta, dandoci appuntamento per il prossimo anno, con l'Oroscopo del 2013.

Ambra


Studio Ambra
Centro Esoterico
Cartomante, Sensitiva, Astrologa
Via Fra' Paolo Sarpi, 51
Firenze
Tel e Fax 055-666.000 // 335.60.20.897


OROSCOPO 2013

ARIETE
Il 2013 sarà denso di cambiamenti fin dalle prime battute, con successi e novità……Grazie ad un Saturno positivo, il nuovo anno si presenta controverso e mutevole….Per ciò che riguarda i sentimenti, nutrite molte aspettative….che in gran parte soddisfarete…..ma c’è sempre il rischio che non viviate la vostra storia fino in fondo, con la tendenza a scappare dalle situazioni…Valutate bene il rapporto e vivetelo giorno per giorno….non fatevi prendere dall’istinto e non cedete davanti alle difficoltà di dialogo. Per le coppie quindi c’ è una intensa passione, ma forse sono presenti delle differenze di vedute circa le decisioni da prendere…. Nel lavoro riceverete un bel sostegno da parte di Giove, l’angelo custode delle buone occasioni…..vedrete che poi sentirete il bisogno di nuovi stimoli e vi butterete in nuove imprese! Auguri!

TORO
Il nuovo anno sembra portarvi consiglio…..siete pronti ad esperienze di lavoro, conoscenze e contatti nuovi. Noterete gli effetti benefici soprattutto per gli affari di cuore, che siate in coppia o single. In entrambi i casi assisterete a dei cambiamenti….forse una convivenza, un matrimonio o un figlio….i single invece sentiranno il bisogno di avere un legame che vada oltre all’amicizia…..la vostra celeste protettrice Venere, che quest’anno effettuerà solo un rapido passaggio nel vostro segno, consiglia di prendere al volo le occasioni! Sarà poi un periodo importante per la carriera, ma per migliorare la vostra posizione, dovrete dimostrare più autodisciplina e vedrete come cambieranno le cose! Sono inoltre probabili cambiamenti nelle collaborazioni già in Primavera….

GEMELLI
Che bel 2013 cari Gemelli! Frizzanti, audaci e fortunati….molte situazioni della vostra vita sono destinate a cambiare in meglio!....Questo grazie al transito di Giove che continua a delineare un periodo di successi e serenità! Il vostro cuore può accendersi….incontri con persone originali, amori inaspettati e passionali….con la vostra innata spontaneità conquisterete tutti! E’ giunto il momento per farvi travolgere dalle novità sentimentali, per rafforzare o ufficializzare i legami nati ultimamente……se poi decidete di cambiare idea….siete sempre in tempo!! Nel lavoro è importante credere nelle proprie capacità per portare a termine anche i progetti più difficili, perché siete brillanti e carichi di fortuna! Mercurio vi aiuta con la sua forza …..ce la farete, lo confermano le stelle di maggio e giugno, che vi vedono splendenti e felici!

CANCRO
Ed ecco uno dei segni più favoriti di questo 2013! Si, perché Saturno in Scorpione e Giove nel vostro segno (dopo ben dodici anni!), saranno i vostri Assi nella manica per raggiungere gli obiettivi lavorativi e sociali che vi eravate proposti e fare finalmente centro! La Luna vi rende dolci e affascinanti e nulla vi sarà impossibile....anche grazie ad una ritrovata intraprendenza che vi renderà molto sicuri di voi e pronti alla conquista! I single poi avranno maggiori facilità d’incontro e potranno gettare le basi per un rapporto più solido. Potrete ricevere grosse soddisfazioni dal lavoro, specialmente per chi ha attività a contatto con il pubblico e vedrete i vostri sforzi ricompensati!....Certo, non è detto che il percorso sia del tutto senza ostacoli, ma il risultato sarà a vostro favore e vi sentirete affermati. Auguri!

LEONE
Il vostro 2013 vi trova energici, pieni di idee e di nuovi impegni. Saturno potrebbe crearvi però qualche difficoltà, frapponendo ostacoli tra voi e gli obiettivi. Ma non temete....a darvi una sferzata di energia ci pensano Urano, pianeta delle sorprese, delle occasioni improvvise, e Giove, che saranno al vostro fianco per aiutarvi a trovare delle soluzioni. Il Capodanno sarà all’insegna dell’amore e dell’allegria....e si aprirà una porta nel vostro cuore....bando alla noia e fatevi corteggiare!!.....perchè si prevedono nuovi e fortunati amori per voi. In ambito lavorativo vi tufferete a capofitto negli impegni! Sarete probabilmente un po’ stanchi, ma molto soddisfatti del vostro operato.....Tornerete dunque ad essere veri leoni!

VERGINE
Sarà un anno molto positivo per voi.....forse per l’influsso di Saturno in Scorpione....Si può affermare che è arrivata la rivincita: rimboccatevi le maniche e datevi da fare! I rapporti di coppia diverranno più profondi e sicuri, anche perché riuscirete a risolvere qualsiasi dubbio o problema. Per i single si prevedono ottimi incontri e vi lascerete andare all’istinto con buoni risultati: le stelle indicano amore e passionalità come non mai, soprattutto perché Plutone avrà un potere assoluto sulla vostra vita sentimentale, tanto da sorprendere voi per primi! Quest’anno finalmente riuscirete a trovare un lavoro che vi piace davvero e le cose andranno a meraviglia; non è infatti da escludersi un avanzamento di carriera. Vedrete che poi questa corrente positiva vi seguirà anche nell’anno successivo!

BILANCIA
Plutone e Urano porteranno molti cambiamenti....alcuni di voi sono già alle prese con qualche novità, piccoli e grandi rivolgimenti che riguardano tutti i settori.....Spazzate via i vecchi schemi e fate spazio a nuovi corsi, Giove vi infonderà i suoi raggi di benessere fino a Giugno.....quindi prendete decisioni in questo periodo! Proprio in amore dovrete decidere il da farsi: prendete l’iniziativa e usate il vostro fascino, perché Marte conquistatore e Venere languida vi appoggiano....il partner sarà ben disposto a seguirvi! Ogni nuovo amore che verrà sarà di grande beneficio per la vostra crescita personale. Il lavoro pretende più pazienza da parte vostra....siete ottimi lavoratori, ma a volte esagerate e diventate troppo impulsivi. Le stelle propongono situazioni nuove.....non temete il cambiamento...capirete che è la strada giusta!

SCORPIONE
Saturno è nel vostro segno! E nel 2013 sarà impossibile non raggiungere gli obiettivi lavorativi e affettivi!..Sarà un anno speciale, che lascerà una profonda traccia nella vostra vita. Certo è che dovrete impegnarvi....ma è normale.... perché se la vostra posizione migliora, aumentano anche i doveri. Le storie già in corso torneranno ai massimi livelli, ritrovando passionalità e coinvolgimento....e i single punteranno su fascino e magnetismo che li renderanno irresistibili! Persino una persona che vi interessa, potrebbe riservarvi una grande sorpresa. Accettate i consigli lavorativi, perché saranno sicuramente utili.....per ottenere conferme e avanzamenti di carriera! Insomma cari amici, andate avanti per costruirvi un periodo d’oro!

SAGITTARIO
Anno di novità cari Centauri!....le occasioni ci saranno, portate da Urano e Saturno....e anche positive! Solo che dovrete riuscire ad imprimere alla vostra vita la direzione voluta.....per questo cominciate quest’anno a fare ordine, a cercare nuove opportunità e nuove persone con cui collaborare. Il destino con voi è sempre molto generoso.....approfittatene! Nelle questioni sentimentali potrete avere l’opportunità che da tempo aspettavate...qualcuno vedrà avverati i suoi sogni riuscendo a metter sù casa e famiglia! Per quello che riguarda il lavoro invece, sarà un anno di transizione....avete bisogno di svolgere la propria attività sentendovi indipendenti....non sarà facile, è vero, ma riuscirete nel vostro intento e nella seconda metà dell’anno arriveranno buone risposte. Mercurio sarà molto positivo e le nuove idee sono le più favorite....ricordatelo!

CAPRICORNO
Il successo del Capricorno è davvero grande.....e ne fa uno dei segni più favoriti dell’anno. Nel 2013 avrete a favore Saturno, Plutone e Nettuno.....questo significa che sarete forti, tenaci e intuitivi....doti molto utili per farsi avanti nel lavoro, per incontrare l’amore o per realizzare un sogno nel cassetto! Una svolta ci sarà anche nel modo di affrontare il vostro rapporto d’amore....vi sentirete molto più audaci e intraprendenti....e scoprirete nuovi terreni da esplorare. Nettuno propizia momenti romantici e intimi da passare con il partner e Venere vi donerà eros e seduzione. La vita professionale sarà intensa e con molti cambiamenti, che dovrete accettare con ottimismo....riceverete in dono una straordinaria forza per mettere in atto tutti i progetti che ritenete importanti e tutto ciò che inizierete, saprete completarlo con ottimi risultati!

ACQUARIO
Buon anno Acquario! Giove illumina il principio del 2013, accompagnandovi verso la realizzazione professionale....è un periodo in cui finalmente raccoglierete i frutti di ciò che avete seminato in passato con fatica. Da subito Marte, dio della guerra e del desiderio, è con voi e l’amore è in primo piano....impegnatevi a dare inizio e a concretizzare una relazione....e vedrete che le stelle vi daranno i loro benefici! Professionalmente parlando, se il periodo precedente è stato un po’ turbolento, adesso spiccherete il volo e vivrete le giornate con maggiore tranquillità....non badate a Saturno che agirà in questo ambito aumentando l’ansia per il futuro....mi raccomando!
Infatti è bene aprire le porte al cambiamento, nel caso in cui non vi trovaste più bene in una situazione....i ripensamenti saranno saltuari e dovrete dare loro il giusto peso.

PESCI
Il nuovo anno dovrà essere per voi l’anno delle grandi svolte, del successo e dell’amore....grazie a transiti molto energici...Per esempio Saturno che vi aiuterà ad aprire gli orizzonti della mente e agevolerà ogni tipo di contatto; o Nettuno che vi protegge e farà emergere le forze innovative che avete dentro. Tutti avrete belle possibilità di migliorare la vostra vita. In amore ritornerà il sorriso e da Marzo, con il Sole nel segno, tutto si sistemerà....perchè tornerà l’armonia con il partner e i single ascolteranno il cuore, certi di non fare scelte sbagliate! Altrettanto stimolante e vivace sarà la vita lavorativa....con opportunità per fare salti di qualità, per esempio ottenendo un incarico di rilievo e migliorando la sfera economica. Che dire....Auguri!



sabato 15 dicembre 2012

Il nuovo album di Perseo Miranda


Perseo Miranda

Il nuovo album di Perseo Miranda, eclettico e poliedrico artista genovese, verrà pubblicato a dicembre 2012 da Erga Edizioni. Il disco si intitolerà "Theatre Metal" e sarà preceduto dal singolo omonimo.
Anche questa volta saranno presenti musicisti eccellenti a fianco del grande Perseo come il talentuoso chitarrista Pier Gonnella (Necrodeath, Mastercastle, Labyrinth) che si occuperà anche delle parti di basso e il batterista finlandese Robert Vaughan.
Il disco è stato registrato presso i MusicArt Studio di Rapallo, in provincia di Genova.
Di seguito il video promozionale dal quale possiamo evincere che il nuovo lavoro sarà votato, come i precedenti lavori, ad un Metal potente e robusto, tecnico e con venature oscure che non deluderà certamente tutti coloro che vorranno avvicinarsi a questo prodotto.



Per maggiori informazioni su Perseo Miranda potete visitare il suo sito web :

http://www.perseononsolorock.com/

domenica 2 dicembre 2012

Intervista a Eugenio e Max di TSUNAMI EDIZIONI


Intervista a Eugenio e Max di Tsunami Edizioni  condotta da Mattia M (Visioni Gotiche)


Tsunami Edizioni è un'attivissima casa editrice milanese che ha avuto il merito, in questi anni, di portare all'attenzione del grande pubblico diversi volumi sulla musica Metal e Alternativa finora apparsi solamente sul mercato estero attraverso un'accurata e precisa opera di traduzione. Libri prima introvabili in Italia sono adesso disponibili sul nostro mercato peraltro attraverso una buona e capillare rete di distribuzione. In questo modo tutti gli appassionati di buona musica hanno potuto apprendere e conoscere aspetti finora poco conosciuti del panorama musicale Metal/Alternativo che in Italia resta sempre, purtroppo, nell'ombra senza il supporto dei media. L'elenco di questi volumi, sempre in continua crescita ed evoluzione, potete reperirlo sul sito della casa editrice.


Ma Tsunami non si limita solamente ad un'attività di traduzione ma sta proponendo degli ottimi autori italiani con libri veramente originali che vanno ad esplorare in maniera molto professionale ed approfondita vari aspetti della cultura musicale Metal/Alternativa sia nostrana che straniera. Tra questi ricordiamo "Sub Terra" di Eduardo Vitolo, "Come To The Sabbat" di Antonello Cresti, "Niente mi può fermare" di Giovanni Rossi e "Fottetevi tutti" di Cristiano Canali. 
Oggi ho il piacere di ospitare sul nostro blog ufficiale i due creatori di Tsunami Edizioni, ovvero Eugenio e Max, e con loro di poter approfondire la conoscenza di questa bellissima realtà del nostro paese alla quale auguro di proseguire con successo la strada intrapresa :



Ciao Eugenio e Max, grazie per la disponibilità. Come nasce e quali sono le principali caratteristiche di Tsunami Edizioni ? Presentatemi un po' la vostra casa editrice.

Ciao. Beh, Tsunami è nata quasi per caso, nonostante avessimo l'opportunità sotto il naso da tempo. Ci siamo guardati in faccia e ci siamo chiesti perché non mettere la nostra passione, ma anche la nostra esperienza al servizio di un'idea che ci avrebbe permesso di provare a portare in libreria libri che in Italia mai nessuno aveva "osato" portare. Il presupposto iniziale è stato ovviamente quello di farlo senza il pensiero di arricchirci, ma comunque di provarci seriamente.
Cosa comporta aprire in Italia una piccola casa editrice come la vostra ?
Non è una cosa facile, in realtà. Ci sono davvero molte regole da seguire e difficoltà da affrontare, non ultima quella di un mercato assolutamente di nicchia, in un paese nel quale la lettura è già un passatempo poco frequentato... Le spese sono alte, i guadagni al limite della sopravvivenza, ma il tutto è controbilanciato dalla soddisfazione di vedere realizzate delle opere a modo loro davvero significative.
Raccontatemi come si svolge una giornata lavorativa all'interno di Tsunami Edizioni. Come vengono ripartiti i compiti e le varie mansioni e quale spirito anima il vostro lavoro.
Eheh, il clima è abbastanza informale, in realtà, si lavora tanto ma l'ambiente è molto hard&heavy! ;) Considera che facciamo noi praticamente tutto tranne la stampa, dalla scelta dei testi da pubblicare alle traduzioni, dall'editing alla grafica e all'impaginazione. In particolare Max traduce o comunque sovrintende alle traduzioni, oltre ad occuparsi dell'editing e dei contatti con l’estero; io (Eugenio) seguo la parte grafica, una parte dell'editing e la correzione di bozze, oltre a gestire tutta la parte amministrativa e commerciale. Ci sono poi una traduttrice che lavora per noi quasi in esclusiva, un paio di collaboratrici che ci danno una mano all'interno e una ragazza che si occupa della comunicazione e dei rapporti con la stampa.
Quali sono state le maggiori soddisfazioni che avete avuto e quali invece i momenti di sconforto e rabbia in questi anni di attività ?
Soddisfazioni tante, anche perché, francamente, ci basta un "bravi" detto da un nostro lettore ad un concerto per far virare in positivo una giornata. E possiamo dire, se possiamo essere un po' immodesti, che più andiamo avanti e più spesso capita. Dal punto di vista strettamente editoriale diciamo che alcuni titoli ci hanno dato delle belle gioie, a partire dalla biografia dei Death In June, che è venuta davvero bene e che è stata anche tradotta in francese ed in tedesco, all'edizione italiana di Lords Of Chaos, che ancora oggi, dopo due anni dall'uscita, è ancora uno dei nostri best seller.
Sconforto e rabbia sono generalmente legati alle normali rotture quotidiane, soprattutto alle difficoltà che si trovano a lavorare in questo paese, dove tutto è complicato almeno 10 volte più del necessario. Ma il nostro motto, per citare Biff Byford, è "never surrender!".
La scelta di proporre libri legati al mondo della musica alternativa (hard rock, metal, gothic, grunge, ecc...) è sicuramente originale nel nostro paese e ritengo che sia frutto di una intraprendenza non indifferente. Come ha risposto il pubblico italiano ?
Mah, potremmo dirti bene, anche se, guardando i numeri di vendita, qualcuno potrebbe risponderci che siamo dei pazzi. Di sicuro stiamo crescendo, anche se lentamente, e siamo convinti che prima o poi sempre più gente si accorgerà che ci sono questi libri e sempre di più saranno quelli che li leggeranno. Credo che siamo ancora abbondantemente sotto il nostro potenziale, perché ancora troppa gente, che certamente sarebbe interessata a quello che facciamo, che nemmeno sa che esistiamo. E’ anche colpa nostra, siamo sempre stati un po' carenti nella comunicazione, non ce la facciamo a seguire tutto, ma con l'aiuto della nostra nuovissima addetta stampa pensiamo di aver intrapreso la strada giusta per farci conoscere da più persone.
Ho trovato i vostri libri anche nelle principali librerie italiane. Come funzionano i vostri canali di distribuzione che evidentemente sono molto buoni ?
La distribuzione è un grosso problema, ci piacerebbe essere presenti molto più capillarmente, ma ci sono una serie di ostacoli, il sistema in se stesso in primis, che sono molto difficili da superare. Siamo soddisfatti, il nostro distributore ha fatto un grande lavoro per noi, ma c'è ancora tanto margine di miglioramento. L'altra faccia della medaglia, però, è che per essere ovunque dovremmo fare tirature più alte, con più alti rischi di resa, e quindi, tutto sommato, per ora va bene così.
Altro grosso problema legato alla distribuzione è che costa tantissimo, la filiera dall'editore al lettore è troppo lunga, ci sono troppi passaggi, e alla fine tutti devo guadagnarci, con il risultato, però, che all'editore resta davvero poco. Considera che su un prezzo di copertina di 20 euro di un libro, tolti i costi di realizzazione, i diritti da pagare, la distribuzione, alla fine rimangono davvero una manciata di monetine. Come ti ho detto all'inizio, questo è un mestiere che si fa per passione, certo non per soldi...
Ho visto il vostro sito. E' molto curato ed intuitivo. A chi vi siete affidati per la sua realizzazione ?
Il sito l'ha fatto Eugenio con un amico, per risparmiare si impara a fare di tutto. Ed è sempre Eugenio che lo tiene aggiornato, cercando di migliorarlo quanto possibile. Certo ci piacerebbe sistemarlo meglio, soprattutto per quanto riguarda lo shop, ma al momento non è possibile. Vedremo...
Quali strumenti utilizzate per promuovere i vostri libri ?
Cerchiamo di usare al meglio i social network, che in questo periodo pare siano il centro della comunicazione, ma ovviamente cerchiamo di avere rapporti con la stampa per recensioni, interviste con gli autori, ecc. Pubblicità poca, abbiamo visto che in realtà, per quello che facciamo noi, non ha un grosso ritorno.
Oltre a questo andiamo ai concerti con il nostro piccolo stand, che è uno degli aspetti più divertenti del nostro lavoro. Ci piace un sacco avere un contatto diretto con il pubblico, scambiare opinioni, idee, commenti. E poi ci piace farci vedere in faccia, ci piace che i nostri lettori sappiano che dietro al marchio tsunami non ci sono degli oscuri "businessman", ma degli appassionati esattamente come loro, che fanno libri sulla musica che gli piace.
Quali sono i lavori che vi hanno tenuto maggiormente impegnati prima della pubblicazione ?

Beh, tra i libri che più ci hanno impegnato, sicuramente Death In June, Lords Of Chaos, Swedish Death Metal, Industrial [r]Evolution. Ma tutti, in realtà, sono un grosso impegno se cerchi di dare sempre il massimo. Siamo piccoli, ma ci piace fare le cose per bene, curiamo tutto nei minimi dettagli, e anche se sappiamo che qualcosa scappa sempre, ci incazziamo come delle bestie quando ci capita di trovare un errore in un nostro libro.

Avete in programma nuove uscite ? Quali sono i vostri progetti per il futuro ?

Al momento abbiamo uscite pianificate per almeno tutto il 2013, qualcosa già anche per il 2014, se saremo ancora in piedi. Tra i titoli in uscita a breve, oltre all'imminente, monumentale, biografia dei Nine Inch Nails "Niente mi può fermare", firmata da Giovanni Rossi, ci sono le edizioni italiane delle biografie di Ritchie Blackmore, Glenn Hughes e Van Halen, e "Bringing metal to the children" di Zakk Wylde. Oltre a queste un libro che farà molto discutere, probabilmente il libro più forte ed estremo dopo Lords of Chaos, un’inchiesta molto approfondita sul fenomeno del NSBM, il Black Metal Nazionalsocialista. Un libro molto forte, ma, come si dice, qualcuno doveva pur farlo.

Prima di concludere volevo chiedervi cosa ne pensate della scena musicale alternativa italiana e quali sono secondo voi le band più interessanti del nostro paese
Se con ‘alternativa’ intendi l’underground in generale, indipendentemente dal genere, il bacino di riferimento è davvero molto vasto. In tanti, soprattutto chi non è più un giovanotto, guardano al passato e alle “vecchie glorie”, ma in realtà, pur con tutte le difficoltà del caso, l’underground italiano è in fermento e ci sono in circolazione tantissime band anche molto valide e che ci mettono impegno e passione. Potremmo davvero farti un elenco di almeno un paio di pagine, ma vorrebbe dire rischiare di fare un torto a qualcuno che potremmo dimenticarci. Quindi ci limiteremo a un consiglio: bisogna frequentare i piccoli locali, i festival indipendenti, dare un occhio alla programmazione dei circoli Arci, perché non c’è soddisfazione più grande che scoprire sul campo le belle realtà di casa nostra.
L'intervista è terminata. Volete aggiungere qualcosa per i vostri lettori e per i fan dei Visioni Gotiche?
Innanzitutto, grazie mille a voi per lo spazio che ci avete concesso. Per i lettori: seguiteci su Facebook, mandateci le vostre idee e i vostri commenti, fate girare la voce tra i vostri amici. Se siamo ancora qui a proporre questi libri è anche grazie al prezioso aiuto e sostegno di chi ci segue, ci legge e ci supporta. E se ci vedete a qualche concerto, passate a salutarci. Rock on!!


martedì 20 novembre 2012

"Hystero Demonopathy" - Il nuovo album degli Antonius Rex in uscita il 12.12.12



La splendida copertina del nuovo album degli Antonius Rex "Hystero Demonopathy"




A tre anni di distanza dal bellissimo “PER VIAM” sta per uscire per la storica etichetta genovese Black Widow il nuovo attesissimo disco degli Antonius Rex intitolato “HYSTERO DEMONOPATHY”.
Gli Antonius Rex sono una delle pochissime band in circolazione, in Italia e all'estero, ad essere in grado di fondere un'elevata qualità della musica e della produzione in studio con una preparazione esoterico-magico-psicologica non indifferente fondendo questi due aspetti in un'alchimia veramente suggestiva ed ipnotica.
Ascoltare un disco composto e diretto dal maestro Bartoccetti significa immergersi nei meandri più oscuri dell'animo e della psiche umana sia dal punto di vista sonoro che concettuale.
Il nuovo album “Hystero Demonopathy”(donne isteriche possedute dai demoni) si preannuncia molto particolare e "progressive" nel senso che gli Antonius Rex non si stancano mai di sperimentare e di proporre nuove situazioni stilistiche che rendono ogni loro lavoro peculiare ed unico. Di grandissimo interesse saranno poi i testi e gli argomenti sviluppati all'interno del disco dove le conoscenze esoteriche del leader carismatico  daranno un tocco magico all'intero lavoro creando una vera e propria opera occulta in musica.
HYSTERO DEMONOPATHY, per i seguaci solo HYSTERO, è un titolo geniale che parte astutamente dal mondo "vano" medico-scientifico per giungere agli ambienti gotico-esoterici esaminando l'isterìa presente nelle donne possedute . Una copertina con un "templare-donna" (la donna è comunque anomala nei templari) affidata al creativo spagnolo Julio Cid-JAKC. Le chitarre quasi diaboliche del leader, le voci drammatiche ed iper-sussurrate delle due nuove vocalist Laura Haslam e Svetlana Serduchka, le tastiere e i sintetizzatori da incanto del nuovo componente Rexanthony, per 9 quadri musicali incredibili, inclusi nella versione CD insieme al video "Rexample" dove sono racchiusi alcuni dei brani storici del musicista filosofo Antonio Bartoccetti tra i quali "Triumphatus Sad" che la storia vuole essere stato creato un anno prima di "Black Sabbath". Ho avuto modo di recarmi nello studio della band ed ascoltare gran parte dei brani. Poter vivere in anteprima con loro questi splendidi pezzi è stata un' esperienza davvero incredibile perché si respira e si percepisce un'atmosfera magica e mistica sia per la location che per il magnetismo reale che gli Antonius Rex riescono a trasmettere anche di persona. Sicuramente, a parte il dark-shock generato da tutte le tracce, la song "Demonic Hysteria" rappresenta le nuove linee di avanguardia "progressive", sia per le timbriche after-industrial, sia per gli episodi gotici, sia per l'improvvisazione centrale realizzata con il sintetizzatore e sicuramente più avanzata di qualsiasi chitarra solista. 

L'esoterica Line Up degli Antonius Rex

Gli ANTONIUS REX di oggi, a differenza di tutte le altre band, hanno un line-up particolarissimo che vede all'opera un chitarrista (Antonio Bartoccetti), una medium (Monika Tasnad) ed un tastierista (Rexanthony). La presenza della medium Monika rende il tutto ancora più esoterico e mistico con la sua immanenza allo stesso tempo inquietante e rassicurante. Il disco, sottoforma di LP e CD, esce per l'etichetta Black Widow (per quanto riguarda la forma fisica) e per l'etichetta Musik Research (per quanto riguarda la forma digitale).... e sarà disponibile il 12-12-12 in contemporanea in: Stati Uniti, Giappone, Italia, Francia, Grecia, Paesi Bassi, Germania, Svezia... oltre che naturalmente in tutti portali digitali, fra cui iTunes e Amazon.
Da notare come anche nella data di uscita del disco ci sia un significato simbolico e magico che rende ancora più interessante l'attesa per questa oscura release...Buon ascolto. Presto tornerò in studio per intervistare la band.

Mattia M (Visioni Gotiche)